Tutorial - Stabilizzatore d'Immagine

Ormai l'amico Mariano è diventato un habituè del blog, proponendo questo articolo breve sullo stabilizzatore d'immagine, chiamato dalle varie Case con i gli acronimi più disparati che indicano sempre la stessa cosa, ovvero un dispositivo in grado di ridurre le vibrazioni inserito nel sensore o nel gruppo ottico. Sony ha SSS e OIS, Canon ha l'IS, Nikon il VR.


Iniziamo sfatando subito un mito: l'IS (sì, Mariano è Canonista), non è la panacea di tutti i mali: si facevano, si fanno e si faranno foto con e senza l'IS.


Fatta questa doverosa premessa cerchiamo di capire a cosa serve, quando è utile e quando no.

La stabilizzazione d'immagine è una delle più significative innovazioni degli obiettivi dopo l'introduzione dell'autofocus.

La stabilizzazione muove un elemento dell'obiettivo (o il sensore) per controbilanciare le vibrazioni della fotocamera, due sensori giroscopici rilevano tali movimenti (dovuti ai termolii delle mani o supporti in-stabili) ed invia i dati alla CPU che, analizza e da le istruzioni al motore per muovere la lente (o il sensore) in modo da proiettare sul sensore un immagine ferma.

In altre parole l'immagine sarà nitida come fosse scattata con tempi 2-3 volte più veloci.

Come avrete capito la stabilizzazione riduce i movimenti del fotografo e non del soggetto , se state scattando un soggetto in movimento non c'è IS che tenga, bisogna alzare le ISO o aprire il diaframma.
Mentre se fotografare un soggetto fermo allora l'IS è una manna dai cielo.

Stabilizzatore Ottico d'Immagine

Esempi pratici:

State fotografando una gara di F1, per "bloccare" le macchine ci vuole un tempo di 1/1.000 sec. 
In questo caso l'IS non entrerà nemmeno in funzione.

State fotografando la premiazione della gara di cui sopra, durante gli inni i pioti stanno fermi, ecco che in questo caso potete scattare una foto ad 200mm e 1/50 ed iso bassi visto che il vostro obiettivo è IS.

Se invece iniziano a stappare lo spumante e fare festa, fotografando soggetti in movimento, alziamo gli ISO e dimentichiamoci dell'IS, decisamente poco utile.

Blog Archive