Nel mondo ideale

Nel mondo ideale c'è il corredo ideale, fatto di strumenti fotografici ideali, i quali permettono a chi fotografa di esprimersi pienamente.

In questo articolo possibilista vorrei illustrare cosa è ideale per me, partendo da strumenti molto concreti, ovvero fotocamere ed obiettivi che ritengo comunque tecnicamente realizzabili ed anzi, che auspico di vedere sul mercato in un futuro non troppo lontano.

In realtà non ho la minima idea di quanto possa essere interessante questo post, anche se immagino che siamo in molti a fantasticare su quali strumenti ci offrirà il mondo della fotografia in futuro.

Ma veniamo al sodo.

Innanzitutto voglio una fotocamera mirrorless, ovvero senza specchio, ovvero compatta e leggera. Quanto compatta e leggera? Abbastanza da essere comoda da trasportare rimanendo comoda a livello di ergonomia e mantenendo l'idea di stare maneggiando un oggetto solido.

Per la mia esperienza, direi che le dimensioni di una Fuji X-Pro1 o poco meno unite all'ergonomia di una Sony NEX-7 potrebbero rappresentare un'ottima soluzione.

Mi piacerebbe che l'ottima ergonomia fosse accompagnata da molte ghiere e pulsanti totalmente personalizzabili.

Vorrei che la fotocamera fosse dotata di un mirino elettronico in grado di non far rimpiangere un mirino ottico, ovvero vorrei un mirino dalla risoluzione molto alta, con features quali il focus peaking per la messa a fuoco manuale, l'eye control per la messa a fuoco automatica in base a dove si guarda, un refresh istantaneo.

Aggiungerei anche uno schermo orientabile come quello montato sulla Canon EOS-60D, ma più sottile e che restituisca una sensazione di solidità maggiore.

Per quanto riguarda il sensore, l'ideale sarebbe una versione Full Frame prodotto con la tecnologia X-Trans di casa Fuji, a patto di essere adeguatemente supportato dai software di conversione RAW.

Comunque sia mi basterebbe qualsiasi full frame attuale, ovvero il 16 megapixel che Nikon monta sulla D4, il 18 che Canon monta sulla 1DX, il 22 della 5D MK II o il 24 della Nikon D600. Non mi piacerebbe il 36MP della D800 che considero scomodo per le dimensioni dei file prodotti, nonché inutile a meno di non effettuare stampe enormi.

Oltre alle cose già elencate, vorrei una slitta flash standard e batterie di buona capienza.

Descritto il corpo macchina ideale, passiamo alle ottiche!

Innanzitutto il tiraggio della baionetta deve essere minimo, per permettere di adattare qualsiasi ottica già in commercio (Leica, Contax-G, Canon, Nikon...) e ci dovrebbero essere adattarori che mantengono autofocus, stabilizzazione e controlli elettronici per le ottiche esistenti Canon e Nikon.

Per le lenti vintage e per macchine a telemetro, dovrebbero esistere i profili in camera e per Adobe Lightroom per correggere il fenomeno del color shift ai bordi dell'immagine, come già accade in casa Leica.

In realtà per il mio genere fotografico una macchina così andrebbe benissimo anche sprovvista di un corredo nativo.

Potendo scegliere però, adotterei l'e-mount di casa Sony per avere un corredo nativo con tutti i fissi prodotti da Zeiss in versione ZM per Leica, solo aggiornati e dotati di autofocus.

Per una fotocamera simile sarei disposto a sborsare circa 2500€ per il solo corpo macchina.

Questo è quanto, ora non mi resta che speriare di vederla sul mercato, prima o poi!

Blog Archive